domenica 1 maggio 2016

Cleopatra, un mito portato al cinema


Le relazioni tra Roma e l'Egitto durante i decenni immediatamente anteriori alla nostra era, viste attraverso gli amori della grande regina Cleopatra con Giulio Cesare e Marco Antonio, hanno dato vita a varie opere cinematografiche. La figura della celebre regina ha ispirato opere letterarie, musicali e anche cinematografiche, che hanno basato la loro ricostruzione storica dell'Egitto su frammenti delle Vite Parallele di Plutarco. Cleopatra VII Filopatore, nata ad Alessandria, regnò in Egitto tra il 51 e il 30 a.C. Provvista di tutte le armi di una donna giovane e intelligente, dovette trattare con la potenza romana. La sua esuberante personalità fu ricreata già nel cinema muto dalla vampiresca Theda Bara. Negli anni trenta fu Cludette Colbert a prestare il volto alla regina egizia e, negli anni quaranta Vivien Leigh la interpretò in Cesare e Cleopatra. Tra il 1960 e il 1963, fu girata una spettacolare e famosa versione diretta dal regista Joseph L. Mankiewicz e interpretata dalla bellissima Elizabeth Taylor e Richard Burton. Nel 1971, Charlton Heston scrisse, diresse e interpretò Antonio e Cleopatra, tratto dall'opera di Shakespeare. Un'altra pellicola fu interpretata nel 1999 da Leonor Varela, con Billy Zane nel ruolo di Marco Antonio e per la regia di Franc Roddam. Prossimamente vedremo al cinema una nuova versione della vita di Cleopatra, diretta da James Cameron e con Angelina Jolie nel ruolo della regina. Ma la più importante rappresentazione, resta quella di Elizabeth Taylor.

Joseph Leo Mankiewicz era l'ultimo cui si sarebbe pensato per dirigere una pellicola epica. Il regista abbandonò il soggetto di Justine per l'avventura di Cleopatra, un film le cui riprese (effettuate a Cinecittà) sarebbero durate tre anni. Gli scandali che circondarono la lavorazione e il tempestoso flirt tra Burton e la Taylor esploso sul set, hanno aumentato il fascino di questo film, di cui restano oggi solo copie virate, per il deterioramento del colore Deluxe in rosa o azzurro. Ma la storia di Cleopatra continua a essere la stessa: l'influenza della politica nell'amore e viceversa, persino l'intimità dell'alcova proiettata nello spettacolo del mondo. Con le sue quattro ore di durata, nella pellicola si alternano scene geniali e cadute di ritmo. Per assicurare il lancio di questa superproduzione, la 20th Century Fox ritirò, poco dopo averlo presentato, Le legioni di Cleopatra (1960), di Vittorio Cottafavi, con Linda Cristal nel ruolo della regina. Ma la pellicola di Mankiewicz non ottenne comunque il risultato sperato. Elizabeth Taylor, scomparsa mercoledì 23 marzo 2011, all'età di 79 anni per complicazioni cardiache, ci ha lasciato un interpretazione straordinaria della personalità di una donna che si muoveva pericolosamente tra la passione amorosa e gli interessi di due regni. Così per tutti noi, Cleopatra avrà per sempre il volto della grande attrice inglese.

Nessun commento:

Posta un commento