domenica 26 gennaio 2014

Il dio Mahes

Figlio della feroce Sekhmet, Mahes (o Mehes) era una delle pochissime divinità maschili dall'aspetto leonino. Dalla madre aveva ereditato il carattere indomito e irascibile: il suo nome, del resto, significa proprio “il feroce leone”. Le immagini di Mahes giunte fino a noi sono molto poche: davvero rarissimi sono i dipinti che ritraggono questa divinità, e lo stesso si può dire dei bassorilievi. Più numerosi, in compenso, sono gli amuleti di bronzo o di ceramica invetriata recanti l’effigie del dio, realizzati per lo più in Epoca Tarda. Queste raffigurazioni sono abbastanza diverse tra loro e sembrano ispirate a criteri iconografici eterogenei. Tutto questo fa sì che, in definitiva, la figura di Mahes sia oggi poco conosciuta. Tuttavia è noto che nell'antico Egitto i leoni erano oggetto di una profonda venerazione: non di rado, in alcuni templi, questi animali venivano nutriti al suono di musica sacra.

Le sue raffigurazioni

Le rappresentazioni più semplici di Mahes consistono nell'immagine di un leone che cammina, con il corpo visto di profilo e la testa rivolta verso l’osservatore, in posizione frontale. Un soprammobile di bronzo ritrovato a Leontopoli, oggi conservato al Brooklyn Museum of Art di New York, ritrae il dio proprio in questo modo. In altri casi, Mahes presenta solamente la testa di un leone su un corpo umano: sempre raffigurato nell'atto di camminare, il dio porta sul capo un disco solare (che lo pone in relazione con Ra) oppure la corona atef (per associazione con Osiride). A epoche successive risalgono alcuni effigi di Mahes con lo pschent, la doppia corona dell’Alto e del Basso Egitto: sui bassorilievi del tempio nubiano di Debod, per esempio, si trovano tre immagini di questo tipo, con il dio che viene venerato dal faraone.



CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE 

Nessun commento:

Posta un commento